Logo stampa
Città di Minerbio - Home Page
 
 
 
 

Servizio di Piedibus

Da quest'anno anche il Comune di Minerbio ha attivato il servizio di Piedibus per i bambini della scuola Primaria R. Bonfiglioli di Minerbio.

Cos’è?
Il Piedibus è un modo per andare a scuola a piedi ogni mattina, in compagnia e in sicurezza, accompagnati da adulti volontari: è un autobus umano, formato da adulti autisti e controllori che accompagnano un gruppo di bambini passeggeri dalla fermata scelta a scuola.

Perché?
Da tempo progetti del genere sono attivi in Italia e in tutta Europa, e hanno mostrato grandi benefici per i bambini che ne usufruiscono e per le comunità che li mettono in pratica:
- favorire l’autonomia del bambino nel raggiungere la scuola a piedi, e promuovere la socializzazione con nuovi compagni,
- educare alla sensibilità e a comportamenti virtuosi verso l’ambiente, e diminuire traffico ed inquinamento attorno alle scuole nell’ora di punta,
- promuovere l’attività fisica come corretto stile di vita,
- favorire la conoscenza del territorio e l’apprendimento del comportamento del pedone nel rispetto del codice della strada.

Come funziona?
Due volontari, uno all’apertura e uno alla chiusura della fila, accompagneranno il gruppo partendo dal Capolinea, passando da tutte le fermate designate, facendo a ciascuna una breve sosta e raccogliendo i bambini, fino all’entrata della Scuola Primaria, dove il gruppo sarà consegnato alla custodia del personale scolastico. La sicurezza sul percorso sarà sorvegliata da un volontario della Protezione Civile, che accompagna il Piedibus. I bambini saranno dotati di giacchino ad alta visibilità per essere sempre visibili e riconoscibili, e di una mantella antipioggia: il Piedibus viaggia con qualsiasi tempo!
Il servizio si svolge sotto il coordinamento dell’Ufficio Affari Generali e Servizi Scolastici, con la supervisione della Protezione Civile e del Corpo di Polizia Municipale, e in collaborazione con le Istituzioni scolastiche. 
Il servizio è gratuito, poiché si basa sulla collaborazione di genitori, nonni e cittadini disponibili a mettersi in gioco e donare un po’ del loro tempo per questo servizio.                                                                                       

Cosa chiediamo ai bambini?
Mantenere un comportamento collaborativo, corretto e un atteggiamento responsabile, per non mettere a rischio la propria sicurezza e quella dei compagni

Cosa chiediamo alle famiglie?
Far trovare i bambini alla fermata che avranno indicato all’orario stabilito per il ritrovo, e rimanere fino alla consegna dei bambini alla custodia dell’accompagnatore
Attrezzare i bambini con gli indumenti idonei per affrontare un breve percorso a piedi anche in condizioni di pioggia (es: giacca impermeabile, scarponcini o stivaletti impermeabili...)
Collaborare in modo propositivo e costruttivo con i volontari per la buona riuscita del progetto
Comunicare ogni assenza o cambiamento di programma al volontario di turno; in caso di ritardo, comunicarlo all'accompagnatore e provvedere ad accompagnare a scuola il bambino.

Cosa chiediamo ai volontari accompagnatori?
Formazione (Polizia Municipale) e iscrizione alla Protezione Civile (offerta dal Comune di Minerbio)
Mantenere un comportamento responsabile e collaborativo, essere puntuale, far rispettare le regole ai bambini
Controllare la lista dei bambini attesi ogni giorno a ciascuna fermata; in caso di assenze impreviste, contattare i genitori
Rispettare impegni e turni concordati

Copertura assicurativa:
Accompagnatori: coperti per la responsabilità civile e infortuni dall’Assicurazione prevista per i Volontari Civici, di cui potranno usufruire a seguito dell’iscrizione (gratuita, offerta dall’Amministrazione) alla Protezione Civile “Gruppo Volontari Minerva”.
Bambini: coperti dall’assicurazione per i servizi scolastici del Comune.

Vuoi iscrivere tuo figlio?
Vuoi partecipare come accompagnatore volontario?
Scarica e compila il modulo che trovi in calce e invialo all’indirizzo urp@comune.minerbio.bo.it,
oppure richiedi il modulo cartaceo, compilalo e consegnalo all’Ufficio Relazioni con il Pubblico