Logo stampa
Città di Minerbio - Home Page
 
 
 
 

PROGETTAZIONE PARTECIPATA

Parco pubblico situato tra via della Costituzione e via della Repubblica Italiana

Sabato 28 novembre presso la Sala del Consiglio Comunale si è tenuto il primo incontro della progettazione del parco pubblico situato tra via della Costituzione e via della Repubblica Italiana.

Questo parco, che per chiarire bene l’area, è situato di fronte alla Caserma dei Carabinieri e adiacente al parco 2 Agosto 1980, è l’ultimo lavoro da effettuare per il completamento delle opere di urbanizzazione del comparto C1.

Che cos’è una progettazione partecipata? E’ uno strumento che integra tre elementi essenziali: luogo, persone, lavoro. Lo scopo di questo tipo di progettazione è quello di coinvolgere i cittadini nei processi decisionali in campo urbanistico, per collaborare con i tecnici che conoscono materialmente e in modo professionale il luogo in oggetto.

L’amministrazioni trova necessario l’utilizzo di tale pratica per scambiare informazioni con i cittadini, per effettuare negoziazioni e per confrontarsi, dunque per dialogare e rendere i cittadini quanto più possibile fautori e partecipi del loro ambiente di vita!

Gli elementi cardine dei processi di partecipazione sono il coinvolgimento di tutti gli attori nel processo progettuale, la condivisione del progetto da parte di tutti i soggetti coinvolti, e la diffusione di consapevolezza della storia del proprio territorio e di comprensione dei bisogni futuri della popolazione e del luogo in fase di costruzione.

All’inizio di novembre è stata inviata una lettera ai residenti della zona citata poiché essi, in modo preferenziale, hanno sotto gli occhi il luogo in esame. La convocazione invitava al primo incontro illustrativo della progettazione. Dopo aver riassunto la storia che ha portato alla costruzione ma al mancato termine del comparto, abbiamo chiesto ai cittadini di pensare a quell'area. E' un'area verde che comprende due strutture antiche, che andranno risistemate e rivalorizzate. I partecipanti hanno ricevuto una cartina dell'area ed è stato loro chiesto cosa ne pensavano allo stato attuale e che cosa potevano immaginare per il futuro. L'area diverrà un parco, ma la struttura, gli elementi di arredo e la destinazione di utilizzo verrà scelta attraverso le idee ed un piano condiviso dai partecipanti, secondo le risorse che furono previste in origine per quel comparto.

Il compito affidato ai cittadini al termine del primo incontro è stato proprio quello di indicare gli accorgimenti e suggerire soluzioni progettuali.

Il prossimo incontro è previsto per sabato 12 dicembre alle ore 10:00 presso la sede municipale di via Garibaldi 44.

“La progettazione partecipata è una forma di democrazia che vede gli abitanti far parte attivamente della costruzione e della trasformazione dell’ambiente nella quale vivono ogni giorno. Il cittadino viene direttamente coinvolto, viene ascoltato, viene messo a confronto con gli altri concittadini ed i tecnici per un obiettivo comune: realizzare uno spazio a misura di persona, che lo vive e lo sente proprio. Gli abitanti non sono più soggetti passivi, ma decisamente attivi con la loro conoscenza del luogo, dei suoi problemi e delle caratteristiche che vorrebbero assumesse nel tempo. Questa modalità di lavoro mi è sembrata molto proficua, è stato un esempio di vera comunicazione, chi ascolta è anche ascoltato, chi partecipa lo fa incuriosito e coinvolto. E' stato un incontro a mio avviso positivo, speriamo dia ottimi frutti negli step successivi della progettazione, perchè è un modo di conoscere e dialogare in modo molto aperto con i concittadini e se la progettazione partecipata funzionerà, potrà essere un validissimo ed utilissimo strumento per renderci tutti molto più affezionati e responsabili dei nostri luoghi, che conservano sempre la storia di ognuno di noi." Erika Tugnoli